By Roberto Giacobbo

Show description

Read or Download 2012, la fine del mondo? PDF

Best graphic novels books

A Little Known Murder in Studio 4 (Trese Case, Book 5)

After filming the ultimate scene of her motion picture, the emerging profession of Heather Evangelista got here crashing down at the flooring of Studio four. Her homicide is someway attached to the case of a lacking duwende. Alexandra Trese steps behind the curtain of Manila’s showbiz and discovers the associated fee one can pay to develop into a celeb.

The Zen of Steve Jobs

An illustrated depiction of Steve Jobs' friendship with Zen Buddhist Kobun Chino Otogawa and the impression it had on Jobs' occupation
Apple cofounder Steve Jobs (1955-2011) had such an immense influence on such a lot of people who his lifestyles usually took on elements of fable. yet a lot of his luck used to be as a result of collaboration with designers, engineers and thinkers. The Zen of Steve Jobs tells the tale of Jobs' dating with one such individual: Kobun Chino Otogawa.
Kobun used to be a Zen Buddhist priest who emigrated to the U. S. from Japan within the early Nineteen Seventies. He used to be an innovator, lacked appreciation for principles and used to be captivated with artwork and layout. Kobun used to be to Buddhism as Jobs used to be to the pc enterprise: a renegade and maverick. It wasn't lengthy prior to the 2 turned friends--a dating that was once no longer equipped to final.
This image publication is a reimagining of that comradeship. the tale strikes again and ahead in time, from the Seventies to 2011, yet facilities at the interval after Jobs' exile from Apple in 1985 whilst he took up extensive research with Kobun. Their time jointly was once vital to the large leaps that Apple took afterward with its product layout and company approach.
Told utilizing stripped down discussion and impressive calligraphic panels, The Zen of Steve Jobs explores how Jobs may have honed his layout aesthetic through jap faith prior to selecting to spot simply what he wishes and depart the remainder at the back of.

The Hidden Temple (Star Wars: Legacy, Vol. 5)

Cade Skywalker simply desires to be left by myself. but if you and your pals have simply blown up half the Sith Temple, reduce of Emperor Darth Krayt's so much depended on minions, and also you take place to be the final recognized inheritor of the Skywalker legacy, humans - undesirable humans, and many them - are going to come back knocking!

Additional info for 2012, la fine del mondo?

Example text

Eccezion fatta per il peso, che è di 5 chili, rispecchia le La profezia dei teschi di cristallo 55 misure di un cranio umano, dentatura compresa, con soltanto alcune lievi imprecisioni nella riproduzione delle ossa occipitali e degli zigomi. I suoi occhi sono dei prismi: la leggenda vuole che scrutandoli si riesca a conoscere il futuro. Una ricostruzione somatica operata sul teschio indica che, probabilmente, il modello sia stato il volto di una donna. La storia del ritrovamento del teschio Mitchell-Hedges ha molti punti oscuri e i vari resoconti che ci sono pervenuti sono contrastanti: non c'è alcuna notizia che attesti che il teschio fosse in possesso della famiglia Mitchell-Hedges prima del 1943 e non c'è alcuna foto di esso fra quelle scattate in occasione della missione archeologica del 1927 a Lubaantun.

Indossa orec- 34 2012 la fine del mondo? chini e gioielli ed è alto 1 metro e 73 centimetri: fatto che suscita una grande sorpresa in Ruz dal momento che l'altezza media dei Maya contemporanei a Pacai Votan era di 1 metro e 50 centimetri. L'archeologo registra un'ulteriore stranezza: era usanza dei Maya schiacciare il cranio dei neonati perché si riteneva che la forma allungata fosse un attributo estetico di grande valore, ma il corpo nel sepolcro non presenta questa deformazione nel cranio. Ruz acquisisce così un dato importante: il corpo di Pacai Votan non corrisponde a quella che era la fisicità dei Maya a lui contemporanei.

I suoi occhi sono dei prismi: la leggenda vuole che scrutandoli si riesca a conoscere il futuro. Una ricostruzione somatica operata sul teschio indica che, probabilmente, il modello sia stato il volto di una donna. La storia del ritrovamento del teschio Mitchell-Hedges ha molti punti oscuri e i vari resoconti che ci sono pervenuti sono contrastanti: non c'è alcuna notizia che attesti che il teschio fosse in possesso della famiglia Mitchell-Hedges prima del 1943 e non c'è alcuna foto di esso fra quelle scattate in occasione della missione archeologica del 1927 a Lubaantun.

Download PDF sample

Rated 4.05 of 5 – based on 3 votes